lp-system680

Ogni attività con almeno 1 dipendente è obbligata di legge a far verificare gli impianti di terra, da un Organismo ispettivo autorizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico, ogni 2 o 5 anni a seconda del tipo d’impianto. Anche i cantieri Edili con durata superiore ai 2 anni devono adempire alla verifica dell’impianto elettrico utilizzato in luogo di lavoro.

BEE Controls S.r.l. è abilitata dal 2006 ad effettuare le verifiche degli impianti di terra presso qualsiasi attività alimentata in bassa, media e alta tensione, con la grande professionalità e prezzi concorrenziali su tutto il territorio nazionale.

Documenti richiesti per la verifica di terra

Affinché possiamo iniziare a collaborare è necessario essere in possesso dei seguenti documenti

Progetto elettrico completo di Relazione Tecnica

schemi dei quadri elettrici, planimetrie come richiesto dalla guida CEI 0-2 se richiesto dal tipo d’impianto vedasi ex Legge 46/90 ora D.M. 37/08

Dichiarazione di conformità dell’impiantista

che ha costruito l’impianto elettrico e/o che ha eseguito delle modifiche all’impianto originale

Denuncia dell’impianto di terra

ex mod. “A – B – C”
o trasmissione della D.D.C. al SUAP o all’INAIL e ASL

Registro di manutenzione aggiornato

degli impianti elettrici così come specificato dal D.Lgs. 81/08

Documento ufficiale dell’ENEL

in cui sono riportati i valori del tempo di intervento delle protezioni e la corrente di guasto monofase a terra
Solo per gli impianti alimentati in Media Tensione *

Calcolo delle scariche atmosferiche

Questo documento contiene: la relazione sulla valutazione dei rischi dovuti al fulmine; così come specificato dal D.Lgs. 81/08.

* per impianti alimentati in Media Tensione è necessario possedere questo documento scaricabile dal sito ENEL

ZONE CON PERICOLO D’ESPLOSIONE

Ogni attività che possiede impianti elettrici con zone pericolo d’esplosione per gas o polveri è obbligata per legge a far verificare tale impianto da un Organismo ispettivo autorizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico ogni 2 anni.

Classificazione dei Luoghi a pericolo esplosione

Ripartizione delle aree a rischio di esplosione per la presenza si gas, vapori o nebbie – secondo direttiva 99/92/CE
ZONA 0 Luogo dove è presente in permanenza o per lunghi periodi o spesso un’atmosfera esplosiva consistente in una miscela di aria e di sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapore o nebbia.
ZONA 1 Luogo dove durante le normali attività funzionali è probabile la formazione di un’atmosfera esplosiva consistente in una miscela di aria e di sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapore o nebbia.
ZONA 2 Luogo dove durante le normali attività funzionali non è probabile la formazione di un’atmosfera esplosiva consistente in una miscela di aria e di sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapore o nebbia e, qualora si verifichi, sia unicamente di breve durata.
ZONA 20 Luogo dove un’atmosfera esplosiva da polvere, sotto forma di una nube di polvere in aria, è presente continuamente, o per lunghi periodi o frequentemente.
ZONA 21 Luogo dove in modo occasionale durante le normali attività funzionali è probabile la formazione di un’atmosfera esplosiva sotto forma di nube di polvere combustibile nell’aria.
ZONA 22 Luogo dove durante le normali attività funzionali non è probabile la formazione di un’atmosfera esplosiva sotto forma di nube di polvere combustibile e, qualora si verifichi, sia soltanto di breve durata.

BEE Controls S.r.l. è abilitata dal 2006 per effettuare le verifiche degli impianti elettrici in zone con pericolo d’esplosione per gas e polveri presso qualsiasi attività, su tutto il territorio nazionale.

Richiedeteci un preventivo! E’ semplice e veloce. In pochi minuti riceverete un’offerta che si adatta alle vostre esigenze.

IMPIANTI DI PROTEZIONE SCARICHE ATMOSFERICHE

Picture1Un fulmine può danneggiare una struttura perché la colpisce direttamente, oppure perché colpisce i servizi entranti nella struttura stessa (es. linee energia, tubazioni d’acqua, gas etc.), o infine perché cade a terra in prossimità della struttura o dei servizi suddetti.

Ogni attività che possiede un sistema di protezione scariche atmosferiche (LPS) è obbligata di legge a far verificare tale impianto da un Organismo ispettivo autorizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico ogni 2 o 5 anni a seconda del tipo d’impianto.

Il Datore di lavoro provvede affinché gli edifici, gli impianti, le strutture, le attrezzature, siano protetti dagli effetti dei fulmini secondo le norme tecniche e alla sua verifica di integrità periodica.

BEE Controls S.r.l. è abilitata dal 2006 per effettuare le verifiche degli impianti protezione scariche atmosferiche presso qualsiasi attività, su tutto il territorio nazionale.

Richiedeteci un preventivo! E’ semplice e veloce.  In poco tempo riceverete un’offerta per le vostre esigenze.

Con l’applicazione del D.Lgs . 81/08 vengono abrogate le norme relative all’ art. 38 del D.P.R. 547/55 ( Scariche atmosferiche ) : “ Devono essere protetti contro le scariche atmosferiche con mezzi idonei : a) gli edifici e gli impianti relativi alle aziende ed alle lavorazioni, di cui all’art. 36 ; b) i camini industriali, che in relazione alla ubicazione e all’altezza, possano costituire pericolo.” L’art. 36 del D.P.R. 547/55 stabiliva che : Le aziende e le lavorazioni : a) nelle quali si producono , si impiegano, si sviluppano o si detengono prodotti infiammabili, incendiabili o esplodenti; b) che, per dimensioni , ubicazione ed altre ragioni presentano in caso di incendio gravi pericoli per l’incolumità dei lavoratori; sono soggette, ai fini della prevenzione degli incendi, al controllo del Comando del Corpo dei Vigili del fuoco competente per territorio. Tali aziende e lavorazioni erano state successivamente determinate con le tabelle A ( art. 36 lett. a )e B ( art. 36 lett. b ) annesse al DPR 689/59. Nel D.Lgs 81/08 restava l’art. 39 del D.P.R. 547/55 – All IV -1.1.8 “ Le strutture metalliche degli edifici e delle opere provvisionali , i recipienti e gli apparecchi metallici , di notevoli dimensioni, situati all’aperto, devono, per se stessi e mediante conduttore e spandenti appositi, risultare collegati elettricamente a terra in modo da garantire la dispersione delle scariche atmosferiche.” Tale articolo è stato abrogato dal D.Lgs. 106/09 3 Gli articoli in vigore sono l’art. 29 e l’art. 24 del D.Lgs. 81/08. L’art. 29 del D.Lgs. 81/08 ( Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi ) fa carico al Datore di Lavoro di valutare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, compreso ovviamente il rischio dovuto al fulmine e tale obbligo prescinde dalle dimensioni e dalla natura , metallica o non metallica, della struttura. In merito alla protezione dai fulmini l’Art. 84 D.L.gs. 81/08 (corretto dal D.Lgs. 106/09) – Impianti di protezione contro i fulmini recita : “ Il Datore di lavoro provvede affinchè gli edifici, gli impianti, le strutture, le attrezzature, siano protetti dagli effetti dei fulmini secondo le norme tecniche.”

PERCHE’ E’ IMPORTANTE LA VERIFICA PERIODICA DELL’IMPIANTO ELETTRICO

In cosa incorre se non si effettua la verifica periodica dell’impianto elettrico:

  • Le verifiche previste dal DPR 462/01 prevedono sanzioni civili e penali da parte di ASL/ARPA se la verifica non è stata effettuata.
  • In caso di infortunio, incendio e simili, le Assicurazioni potrebbero non risarcire il danno causato.

La verifica periodica dell’impianto elettrico serve per evitare:

  • Danni all’impianto elettrico
  • Sanzioni civili e penali
  • Infortuni, incendi e simili
  • Mancato risarcimento dei danni da parte delle assicurazioni

IN CHE COSA CONSISTONO LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN LUOGHI ORDINARI

Controllo documentazione: vedi documenti richiesti.

Esame a vista dei componenti elettrici dell’impianto ispezionato, per verificare sostanzialmente la loro integrità fisica.

Verifica di continuità dei conduttori di terra per assicurarsi che non ci siano interruzioni nel circuito.

Valuta la resistenza di isolamento globale del circuito.

Controllo degli interruttori differenziali (salvavita), delle tempistiche di sgancio in caso di guasto, simulando, con uno strumento apposito, un’ipotesi di guasto apparente.

LAVORIAMO INSIEME

La nostra professionalità è nota come la qualità del nostro lavoro.
Sappiamo dare solo il meglio e vi aiuteremo a lavorare in sicurezza.

CHIEDI UN PREVENTIVO